sabato 26 settembre 2015

L'IMPORTANZA DELLA TEORIA NELLA PRATICA DI BAGUA ZHANG

L'articolo di questa settimana è del M°Nikitas Pretroulias membro della commissione tecnica del Baguazhang in Fiwuk



Il Bagua Zhang e uno dei tre stili che costituiscono la famiglia interna del kung fu tradizionale. In piu occasioni durante gli anni di insegnamento mi hanno chiesto  che
significa Kung fu interno.  La maggioranza delle volte mi sono reso conto che chi mi rivolgeva questa domanda, aveva gia pronta la risposta ed era in  cerca semplicemente di  una conferma: per questi stile interno significava muoversi lentamente, essere rilassati, respirare correttamente durante la pratica e muoversi in armonia,il che costituisce la risposta piu veloce da dare, ma senz+altro limitativa.  Un altra risposta piu completa sarebbe stata che gli stili interni sono mossi dalla stessa ragione di fondo, ossia:
il cambiamento continuo e fluido fra il sopra e il sotto, fra la sinistra e la destra, fra il davanti e il dietro, fra velocita e lentezza, fra tensione e rilassamento, fra l attacco e la difesa.
Capire la seconda risposta con la logica sembra facile, capirla invece con il corpo e un lavoro di anni. Ed e proprio qui il problema della corretta pratica di uno stile interno come il Bagua Zhang, perche imitare il movimento che viene insegnato non basta, imitare la corretta respirazione non basta, imitare l applicazione marziale precisamente non basta, come dice il mio maestro Zhao Ming Hua  "serve teoria".  Perche? Perche la teoria e l'unico strumento che abbiamo per confrontarci con i maestri del passato, e l unico strumento che abbiamo per capire a che punto siamo nella comprensione profonda di questa arte.
Per comprendere meglio l importanza della teoria racconto un episodio che mi ha riferito il maestro Zhao Ming Hua, accaduto mentre era nella casa del maestro Yang Yu Ting nel 1971, quando il maestro Yang confido al  maestro Zhao:" l essenza interna del Kung fu dipende dall educazione e dalla cultura del praticante.  Se egli e una persona di poca cultura, un sempliciotto, egli sviluppera qualche abilita grezza ed un qualche tipo di forza ottusa, ma non potra compredere il kung fu anche se pratichera per tutta la vita.  L elemento determinante per la corretta pratica del Kung Fu e capire la ragione che muove la pratica."
Naturalmente oggi sono disponibili numerosi testi che affrontano il tema della teoria del Kung Fu, purtroppo pero non sempre sono scritti da persone che veramente e profondamente hanno compreso cio che cercano di spiegare.  Se si conosce la lingua cinese antica, i testi classici in lingua originale costituiscono senz altro la miglior fonte, in quanto le traduzioni potrebbero contenere imprecisioni nel significato o veri e propri errori, specialmente se chi traduce non pratica, dovuti alle diverse interpretazioni che si possono attribuire ad ogni  carattere.  Qui nasce il bisogno di avere un bravo maestro che oltre a conoscere la giusta interpretazione dei testi, la mette a confronto con la pratica, la studia e spiega il perche di ogni singolo contenuto teorico.  Per esempio, in alcuni casi nei classici antichi si trovano espressioni diverse che si riferiscono ad un unico principio, per esempio da traduzione del maestro Zhao Ming Hua  il "Kou Dui Kou" tratto dai classici dello Xing Yi Quan, significa "bocca per bocca" il "Wan Yu Jian mei" tratto dal tai chi quan, significa "il polso e la spalla sono allo stesso livello" il "Shi Zhi Jian Ping mei" tratto dal Ba Gua Zhang significa "la punta dell indice deve essere all altezza del sopracciglio" sembrano tre principi distinti ma nell attuarli, si notera che si riferiscono ad un unica posizione della mano.
 Altri esempi sono "Song Jian" che significa "rilassare le spalle"e "Chen Jian" che significa "abbassare le spalle"o ancora "Chen Zhou" ossia "abbassare i gomiti e "Zhui Zhou"  "farsi tirare i gomiti".  Un altro esempio e "Shang Xia Shang Sui" che significa "armonia far il sopra e il sotto" e "Wai San He" che significa "tre armonie esterne", ancora due espressioni diverse che nella pratica indicano lo stesso principio:  l armonia di movimento che deve essere percepita tra la parte superiore e inferiore del corpo,indicata nella seconda espressione piu dettagliatamente attraverso la relazione armonica tra mani e piedi, tra  gomiti e ginocchia, e tra anca e spalla.
Dunque alcuni esempi per sottolineare l importanza pratica dei riferimenti teorici e l importanza di fonti sicure dalle quali si evince che i principi sono sempre gli stessi, principi che quando sono costantemente applicati alla pratica il praticante stesso  sentira cressere nell suo corpo le varie abbilita che il suo stile richiede le qualli gli donerano l eficacia marziale e la buona salute,traguardi che ogni pratticante vuole ottenere.La teoria sempre afiancata con la prattica e anche lo strumento piu efficace per tramandare la conoscenza alle genarazioni future che alcune volte sono vittime di personalisazioni estreme di vari maestri.
 Oltre tutto la mia esperiensa mi ha fatto capire che e importante anche per ogni pricipiante chiedere dal suo maestro qualche libro o apunti sulla storia dello stile
e studiare oltre che pratticare perche si sentira ulteriormente stimolato di capire in fondo l arte che prattica e diventare cosi dopo anni di duro lavoro una fonte di sapere
che tramadera le sue conoscense alle prossime generazioni e il suo cuore sara pieno
di graditudine per tutti i maestri del passato che hanno fato la stessa cosa per noi.

Maestro Petroulias Nikitas              

Nessun commento:

Posta un commento